Tag

, , ,

manet

La Primavera è, tempo permettendo, stagione che invita a vivere all’aperto.

Cibo e convivialità sono situazioni che si esprimono molto bene insieme e a maggior ragione se questo avviene “en plein air”.

La storia dell’arte ha vissuto una sua stagione fondamentale quando alla pittura in studio, gli Impressionisti preferirono la pittura all’aria aperta (en plein air). In questo procedere riuscirono a fissare sulla tela, in modo istantaneo, le mutevoli vibrazioni luminose dei paesaggi e delle figure.

Una delle opere che coniuga cibo e convivialità in un contesto en plein air, inteso come espressione del tempo libero, è quella di Edouard Manet (Parigi 1832-1883): Le dejeuner sur l’herbe (cm. 208×264), dipinto a olio su tela del 1862 conservato al Musée d’Orsay di Parigi.

Nella sua opera, Manet rivendica l’eredità dei maestri del passato e s’ispira a due opere esposte al museo del Louvre. Il Concerto campestre di Tiziano

che suggerisce il soggetto, mentre la disposizione del gruppo centrale trae ispirazione da un’incisione ispirata a un’opera perduta di Raffaello: Il giudizio di Paride. Nel 1863, l’opera fu rifiutata dalla giuria del “Salon” ed esposta al “Salon des refusés” dove divenne la principale attrazione dell’evento, ma fu anche motivo di scandalo per la presenza di un nudo femminile tra uomini completamente vestiti. Infatti, la sua presenza non era giustificata da nessun pretesto allegorico e mitologico. Nella contemporaneità di quel periodo, l’assoluta modernità della composizione appariva come una rappresentazione oscena e irreale. Manet, non rispettando le convenzioni e i tradizionali modelli, avvia una nuova libertà riguardante i soggetti da rappresentare.

Un’occasione per conoscere l’opera di quest’artista: Manet, ritorno a Venezia, Venezia-Palazzo Ducale, fino al 18 giugno, dove è esposta anche una versione de Le dejeuner sur l’herbe proveniente dalla “Courtauld Gallery” Londra” e l’incisione a Bulino di Marcantonio Raimondi (Da Raffaello) “Giudizio di Paride” proveniente dal Museo Correr, Venezia.

Contributo di FRASE48frase48

Annunci