Tag

, ,

Bicerin! Provenienza piemontese, pronunciato bitʃeˈriŋ, letteralmente bicchierino.

CAM00330 - Copia

Ricetta: bevanda al caffè espresso appena fatto, cioccolata e fresca crema di latte servita in grandi bicchieri tondeggianti (le dosi della ricetta originale sono ignote).

Curiosità: Il rituale del bicerin prevedeva che i tre ingredienti fossero serviti separatamente. Inizialmente erano previste tre varianti: pur e fior (l’odierno cappuccino), pur e barba (caffè e cioccolato), ’n pòc ’d tut (ovvero un po’ di tutto), con tutti e tre gli ingredienti miscelati. È stata quest’ultima formula ad avere più successo e a prevalere sulle altre. Una curiosità che è rara da leggere è che il tutto veniva accompagnato da dei “bagnati”, dolcezze artigianali di ben 14 specie.

Abbinamenti: la “Torta Bicerin”, un goloso impasto di caffè e cioccolato fondente ricoperto da una colata di cioccolata bianca.

 “Dal 1763 a Torino La storica bevanda torinese, evoluzione della settecentesca bavareisa, è nata proprio in questo locale, che da allora ne porta il nome e che ne conserva gelosamente la tradizionale ricetta. È una bollente squisitezza composta di Servito in alti bicchieri che permettono di ammirarne la corposità e lo stuzzicante melange di colori, il bicerin è un piacere tutto da scoprire per chi ama viziare il palato.” Caffè Al Bicerin

IMG_8853

Nel 2001 il bicerin è stato riconosciuto come “bevanda tradizionale piemontese” con pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte.

Annunci